Fu pensato a Catania il delitto perfetto

DSCN1020lacasadelsognoantico.altervista.org/fu-pensato-a-catania-il-delitto-perfetto

un delitto perfetto

    1.  

 

 

[slider]
[slide]
[button link=”#”]
[digg]
[stumble]
[facebook]
[twitter name=”name”]
[retweet]
[feedburner name=”name”]
[protected]

LA NOIA DI CATANIA
di Salvo Garufi

Fra poco morirò, disperato perché di me non resterà memoria. Voglio dire che non lascerò un ricordo vero, tale che possa superare i commenti di cordoglio più immediati (quelli, per intenderci, che si regalano nelle veglie funebri per i minuti che bastano, tanto per essere ricambiati quando verrà il nostro turno).

Per colmo di sfortuna morirò la mattina di ferragosto, con Catania spopolata. Molti sono andati al mare. Oggi, almeno, questa gente starà prona sulla sabbia e non ai piedi di chi comanda. Chi è rimasto non troverebbe neppure un filo d’ombra fuori di casa per scambiare due chiacchiere sulla mia morte.
Eppure, sono stato un uomo d’immaginazione, che, a voler mettere per iscritto i progetti della mia vita, c’è quanto basta se non altro per la celebrità locale. Purtroppo, il tragico destino degli assassini è che debbono tenere nascosti i loro capolavori. Nel mio caso, poi…
Ma, voglio raccontare con ordine.

DSCN1007

La prima idea d’uccidere mia zia, vecchia e zitella, mi venne sul finire del settembre scorso, di notte, quando per scommessa m’ero messo a gareggiare con le ingegnosità di Arthur Conan Doyle, di Freeman Wills Crofts, di Agatha Christie, di John Dickson Carr, di Edgar Wallace, di Thomas B. Dewey, di Peter Cheyney, di Rex Stout, di Erle Stanley Gardner, di Ellery Queen. Passeggiavo con Gianni, anche lui appassionato di letteratura gialla.
– Ti pare possibile il delitto perfetto? – mi chiese Gianni, proprio al centro dello spiazzale ch’è davanti ai Tre cancelli, il cimitero. S’era messo a pie’ fermo di botto. Pareva che fosse passato l’angelo e l’avesse bloccato lì, con le gambe diventate due querce sulle mattonelle di pece.
– Eh?… off! – feci io, sbilanciato in avanti, ma subito agganciato per il braccio e riportato in linea dal mio vigoroso amico. – Certo ch’è possibile!
– Il vero problema sarà la giusta cura dei particolari – affermò Gianni, entrato in fase operativa. – Prevedere ed eliminare tutti i possibili indizi che uno può lasciarsi dietro non è mica facile! L’assassino che perde è come un pittore che si concentra sul grosso di un quadro. Ha una visione incompleta. Invece, non bisogna trascurare il punto di vista ravvicinato. Il delitto d’autore è perfetto negli elementi più piccoli.
– Hai scoperto l’acqua calda! – obiettai. – Questo è ciò che si dice in tutti i gialli, anche nei più scadenti… anche nella serie televisiva del tenente Colombo, quella specie di frustrato che trova sempre il modo di provare che l’assassino è uno che nella vita ha successo!
– Si potrebbe simulare una disgrazia… – continuò Gianni.
– Già fatto – dissi. – Crofts: L’incendio nella brughiera.
– Bisogna che ci rifletta una notte – concluse Gianni. – Domani ti dirò la mia ipotesi di delitto perfetto.
L’indomani, però, Gianni aveva già scordato il suo proponimento. Fu preso da un’altra passione, quella per la fotografia. Comprò il manuale mondadoriano di Alexander Spoerl, le riviste “Fotografare”, “Clic fotografiamo”, “Progresso fotografico” e “Fotopratica” e non parlò d’altro. Nella serata sembrò pazzo di gioia perché qualcuno gli aveva regalato How to make a good picture, edito, pensate un po’, dalla Estman Kodak Company, Rochester, New York.
Io non potevo permettermi la stessa volubilità di Gianni. Mia zia aveva troppi soldi e quattro ettari d’agrumeto con sedici ore d’acqua settimanali nel vicino pozzo. Ad ottobre-novembre col clementine, a dicembre col tarocco, in primavera col calabrese, i commercianti le portavano i milioni fino a casa. I problemi per convincere i commercianti a comprare le arance sono per i piccoli proprietari, quelli dei quattro-cinque tumuli.
L’uccisione della parente, quindi, non poteva essere presa soltanto come una chiacchierata teorica. Avrei potuto vivere di rendita, la sigaretta in bocca ed il pieno di benzina nell’alfa romeo. La mia giornata l’avrei spartita equamente tra le donne ed i discorsi nella sala da barba di Antonio, un rivoluzionario che falcidiava capelli come se fossero grassi borghesi, sotto lo sguardo malinconico e romantico di un poster del Che (dove, però, non mancavano sfumature di divertita perplessità, quando Antonio tifava per il milan supermiliardario di Berlusconi). Eppoi, io quella vecchia non la reggevo proprio.
Pensai diverse soluzioni, tutte insoddisfacenti. Potevo simulare un incendio dovuto ad un corto circuito. C’era, però, il problema che d’elettricità non ne capivo niente. Di veleni, conoscevo solo quelli usati nei gialli, inutilizzabili perché anche i poliziotti possono leggerli, almeno in via d’ipotesi. Per un attimo mi venne in mente d’assoldare un killer. Ma, era una soluzione troppo banale e soprattutto non avevo soldi. Anzi, uccidevo proprio per mancanza di soldi.

DSCN1016

Finalmente mi concentrai sul fatto che mia zia ogni mattina, quando passava il lattaio, usava scendere le ripide scale della sua casa-candela. Qui molte abitazioni vanno su filiformi, un piano sopra l’altro, frutto di un abusivismo straccione che ha distrutto la vecchia tipologia architettonica rurale. Conclusi che bastava far cadere mia zia dalle scale. Magari, se non moriva subito, bisognava finirla con una mazza. La novità che avevo escogitato era il modo in cui farla cadere. In cima alle scale avrei fissato una lenza, invisibile nella semioscurità.
Mi lambiccai il cervello per giorni, cercando il modo di sistemare bene la mia trappola. Notai che la ringhiera della scala era arrugginita e, quindi, poteva restarvi la traccia della lenza. C’era, poi, un altro problema: come fissare l’altro capo del filo nel muro, senza piantare un chiodo?
Non feci altro che pensare, ben oltre il mio normale costume di vita (dove già la riflessione non è mai disturbata da occupazioni pratiche). Ipotizzavo soluzioni pure in bagno, pure quando stavo in piazza Alcalà, alla fermata degli autobus, ad occhieggiare le donne! Io e Gianni siamo sempre stati dei patiti degli amori oftalmici.
Infatti, presi la giusta decisione nel corso di una carrellata panoramica sulla cupola tremolante del sedere di una maestra.
Dovevo riverniciare la ringhiera per eliminare la ruggine. Poi, bastava aspettare che il colore si fosse ben asciugato ed indurito e si poteva star sicuri che la lenza non lo avrebbe rigato. Certo, c’era l’inconveniente che un delitto nato dalla voglia di non lavorare cominciava proprio con un lavoro, per di più odioso. Ormai, però, la faccenda era diventata un puntiglio intellettuale, che valeva bene qualche sacrificio. Per l’appiglio a cui legare l’altro capo della lenza, si poteva piantare un chiodino nell’angolo tra il muro e lo spessore dell’alto battiscopa. Era meglio usare un sottile chiodo d’acciaio. Con un minimo di pazienza, dopo, sarebbe stato facile cancellarne ogni traccia.
Offrii alla zia, gratis, il mio lavoro di imbianchino. Così avevo modo di stare in casa sua senza destare sospetti. Tirchia, anzi scroccona com’era, la vecchia ne approfittò subito.
– Da’ pure una sistemata al portone – mi disse. – In fondo lavori per te… Quando morirò il mio sarà tuo.
– Appunto – confermai con un sorriso ambiguo.
Non volli sciupare il piano con un’inutile premura. Era preferibile che ciò che doveva accadere accadesse verso la fine del lavoro. Purtroppo, scartavetrare e pitturare mi risultò troppo pesante. Non c’ero tagliato. C’erano come dei grumi d’impazienza che mi partivano dallo stomaco e mi facevano torcere tutto. Allora mi veniva voglia di rompere il pennello e di prendere a calci secchi e barattoli di colore. Accendevo una sigaretta per calmarmi ed era peggio, perché in aggiunta spuntava il mal di testa.
Era ovvio che in tali condizioni il lavoro procedesse con esasperante lentezza, tra gli improperi continui della zia-arpia.
– Sei sempre tu – ella diceva. – Ti fai avanti e non concludi niente!
Io rispondevo con un sorriso e la pensavo già morta.

DSCN1026

Finché, dopo sei mesi di macerante lavoro, avvenne l’irreparabile disgrazia. In una primaverile, luminosa ed indifferente mattina, infatti, mia zia morì, improvvisamente e senza alcun merito mio (fu lo scorso primo aprile, per l’esattezza, quasi che il “destino cinico e baro” avesse voluto giocarmi il suo pesce d’aprile). Tutto accadde proprio mentre ella scendeva ad aprire al lattaio…
Ma, per un fulminante ictus cerebrale!
Così, il mio piano tanto ben architettato non vide mai la luce ed ora non c’è uno che possa neppure sospettare la perfezione con la quale stavo per realizzarlo.

Immag0005

Il peggio è che, dopo che è venuto a mancare il mio capolavoro, verrò a mancare pure io. Esattamente quarantadue giorni fa (mentre il sole di maggio se la rideva come non mai, tanto per farmi dispetto) ho saputo di avere il cancro. Anche questa volta m’hanno giocato un tiro a tradimento: un fiotto di sangue mentre mi trovavo in bagno.
Sono sicuro che in me c’era la stoffa del granduomo. Invece, mi ritrovo a morire con un nome tanto comune in questa città, che davvero non vale la pena di riportarlo.

Salvo Garufi

Informazioni su lacasadelsognoantico

Curriculum vitae di Salvo Garufi Nato a Militello in Val di Catania (CT) Il 19 novembre 1951 Residente a Militello in Val di Catania In via Filippo Basile, 5 Titoli di studio Laurea in Lettere, conseguita il 30 marzo 1978 presso l’Università di Catania, con la votazione di 106/110; abilitazione all’insegnamento di stenografia (per corso abilitante); abilitazione all’insegnamento di Materie letterarie nelle scuole medie superiori (per concorso); abilitazione all’insegnamento di Italiano, storia, geografia ed educazione civica nelle scuole medie inferiori (per concorso); abilitazione all’insegnamento di Storia dell’arte (per concorso); abilitazione all’insegnamenti di Filosofia e storia (per corso abilitante). Titoli culturali ed incarichi politici Nel corso della sua carriera nelle scuole statali ha finito per insegnare in tutte le classi di concorso nelle quali è abilitato. Attualmente è docente di Filosofia e storia presso il Liceo Scientifico “Ettore Majorana” di Scordia (CT); è stato finalista per la narrativa nell’edizione 1990 del “Premio Italo Calvino”, organizzato dalla rivista “L’indice” di Torino, presidente della giuria Vincenzo Consolo: ha fatto parte del Consiglio di Amministrazione e del Comitato Esecutivo dell’Azienda Provinciale Turismo di Catania dal 1994 al 1996; ha insegnato Storia dell’arte in corsi post-diploma finanziati dalla Comunità europea e Storia della moda in corsi di aggiornamento organizzati dall’Istituto professionale femminile di Stato “Isabella Morra” di Matera; è stato consulente teatrale di “Catania Musica Estate 1995” e della “Settimana del barocco a Militello” in tutte le sue edizioni, cioè dal 1994 al 2002; è stato esperto per la cultura del Presidente della Provincia Regionale di Catania dal 1996 al 1998; è stato assessore ai BB. CC. di Militello in Val di Catania dal 2003 al 2008, potendo coorganizzare con fondi ministeriali tre edizioni del “Festival del Val di Noto”; inoltre, collaborato dalla facoltà di fisica dell’Università di Catania, ha ideato ed organizzato il “Premio Ettore Majorana”; ha fondato il Museo Civico “Sebastiano Guzzone” di Militello in Val di Catania e ne è stato il primo direttore. Pubblicazioni SAGGISTICA DI STORIA, DI LETTERATURA E D’ARTE Interventi vari in cataloghi editi dalla Galleria d’arte “La scogliera” di Vico Equense (NA) sui pittori: Vincenzo Laricchia (1079), Enzo Campanino (1980), Emanuele Modica (1981), Roberto Severino (1981), Raffaele Amato (1982). E nel catalogo su Angela Vinaccia (1983), edito dalla Galleria G 59 di Napoli; L’omicidio di Francesco Laganà Campisi (in collaborazione con G. Cavalli), Società Storica Militellese, Militello 1981; Mariano Izzo, in Luigi Paolo Finizio, Il segno espanso di Mariano Izzo, Napoli, Istituto Grafico Editoriale Italiano, 1983; La Madonna nella figurazione artistica a Militello, Militello, Edizioni del Santuario, 1985; Itinerari pittorici in Santa Maria della Stella, Militello, Edizioni del Santuario, 1986; Sommario della storia di Santa Maria della Stella, in Paolino Stella, Santa Maria nella Chiesa di Caltagirone, Caltagirone, Cassa San Giacomo, 1987; Giuseppe Tuccio, Militello, Comune, 1987; Salvatore Agati, in Cabala e pietre nere (a cura di Nicolò Mineo), Catania, Prova d’autore, 1990; Opere edite di Giuseppe Majorana (in collaborazione con M. Marino), Militello, Comune, 1991; Melo Minnella. Catania, Provincia Regionale di Catania, 1995; Geografia poetica di Salvo Basso, in La figura e le opere poetiche di Salvo Basso (atti del convegno), Catania, Prova d’autore, 2002; Voci per Militello dalla A alla Z (a cura di Nello Musumeci), Catania, Edizioni della Provincia Regionale di Catania, 2003; Osservazioni sul punto di vista, in O scuru – fotografie di Salvo Basso, Catania, Prova d’autore, 2003; Dalla Natività di Andrea Della Robbia ai contadini di Santo Marino, storia dell’arte a Militello, Caltagirone, Il Minotauro, 2005; Guida al sistema museale “Sebastiano Guzzone” di Militello (con contributi di altri), Caltagirone, Il Minotauro, 2006; Guida turistica ai quindici comuni del Calatino Sud Simeto (in collaborazione con Domenico Amoroso e Massimo Papa), Caltagirone. Agenzia di Sviluppo Integrato, 2008. NARRATIVA Interventi nelle seguenti antologie: Le voci fra gli sterpi, edizioni 1989 e 1990, Scordia, Edizioni Nadir; Frastorni, Scordia, Edizioni Nadir, 1991; Arrivederci a Sortino, edizioni 1997, 1998 e 1999, Catania, Prova d’autore; Distacchi dentro fuori, Milo, Laboratorio d’arte contemporanea “Village”, 1997; Attioni spectaculose, racconti, Mascalucia (CT), Edizioni Novecento, 2007; Na mezzanotti antica, traduzione in ottonari siciliani di The Raven di Edgar Allan Poe, Mascalucia (CT), 2007; Evangelio borghese, romanzo, Mascalucia (CT), Edizioni Novecento, 2008; La Firenze degli Iblei, romanzo, Mascalucia (CT), Edizioni Novecento, 2008. COLLABORAZIONI GIORNALISTICHE “Il Secolo d’Italia” di Roma, “La Riviera” di Napoli, “Peninsula” di Vico Equense, “Catania sera” di Catania, “Prospettive” di Catania, “Militello Notizie” organo del Comune, “La provincia di Catania” organo della provincia regionale. Teatro e spettacoli L’orgoglio delle pietre, video, regia di Franco Di Blasi, Azienda Provinciale Turismo di Catania, 1994; La dama della memoria, spettacolo teatrale, regia di Davide Sbrognò, Militello, Atrio del Castello, 1995; Corteo del principe e Partita di scacchi viventi, spettacoli di piazza, registi vari, Militello, tutte le edizioni de “La Settimana del Barocco” e Noto, “Festival barocco”, 2006; La reina di Scotia, riduzione da Federico Della Valle, regia di Elio Gimbo, Militello, Atrio del Castello, 1995; Zizza, adattamento da Pietro Carrera, regia di Gianni Scuto, Militello, Atrio del Castello, 1995; Gli occhi di Tyrone Power, dramma, regia di Elio Gimbo, Militello, Teatro Tempio e Catania, Teatro Ridotto-eventi, 1996; Bar New York, commedia, regia di Piero Ristagno, Militello, Teatro Tempio e Catania, Teatro Nuovo, 1996; La festa del grano, spettacolo di piazza, Raddusa, 1996; Scene di un Natale barocco, spettacolo di piazza, regia di Gioacchino Palumbo, Comiso, Scicli, Modica, Ragusa, 1996/1997; Una storia per Guareschi, commedia, regia di Franco Calogero, Catania, Teatro Ridotto-eventi, 1997; Conversazione del principe, commedia, regia di Fernando Balestra (ed altri nelle numerose repliche), Militello, Atrio del Castello, 2000; Una canzone per donna Aldonza, tragedia, regia di Antonio Caruso, Militello, Piazza Municipio, 2001; Scene di un Natale barocco, tragedia, regia di Emanuele Puglia, Militello, Piazza Municipio, 2002; Le voci fra gli sterpi, concerto di poesia, regia di Gianni Salvo, Militello, Atrio benedettino, 2004; Na mezzanotti antica, omaggio a Edgar Allan Poe, lettura di Gianni Salvo, Militello, Chiesa del SS. Sacramento al Circolo, 2007.

Precedente Quando piove a Catania Successivo La festa dei morti nel Libero Quartiere di San Pietro

Un commento su “Fu pensato a Catania il delitto perfetto

I commenti sono chiusi.