Alba siciliana sul problema dei forestali – Noi non ci siamo rassegnati!

Sui forestali il governo Crocetta sta di nuovo giocando col fuoco

Bombardier_415_02 b.jpg

Il provvedimento di verifica penale sta colpendo l’intero comparto dei lavoratori

Sui forestali il governo Crocetta sta di nuovo giocando col fuoco

3.500 forestali a rischio licenziamento, secondo il dossier “Operazione Pulizia” compilato dalla ex dirigente generale Anna Rosa Corsello. Altro che “ristabilire criteri di giustizia” sui lavoratori forestali siciliani, come si sono vantati davanti alle telecamere gli autori del recente provvedimento: costoro piuttosto andrebbero denunciati per diffamazione aggravata, abuso di potere e minacce ai più deboli. A partire da giugno, in tantissimi dipendenti regionali si sono visti recapitare lettere spuntate dal nulla. Era stato trovato in loro “qualcosa di incompatibile” con il rapporto di lavoro in corso, alla luce di tutta la biografia precedente. I reati contestati sono di portata irrilevante, risalenti anche a trent’anni addietro e mai più seguiti da nessun comportamento sbagliato ma al contrario da un corretto rapporto di lavoro del forestale. Inoltre, ogni forestale ha firmato un contratto che impegna ambo le parti a precisi accordi, sui quali si può benissimo contestare ogni forma retroattiva di cambiamento delle regole del gioco. Nel senso che se una persona è stata assunta così com’era, ora non è corretto andare a cambiare i criteri dicendogli, dopo trent’anni, che lui non andava bene e minacciando seriamente di buttarlo in mezzo alla strada. Si sta veramente sparando nel mucchio mentre all’inizio si era detto di limitarsi ai pochi casi davvero gravi sul piano penale.

Non ci si comporta in modo tanto cinico verso persone che sono prima di tutto portatori di diritti civili in questo Paese, colpendoli come lavoratori e lasciandoli alla disperazione con le loro famiglie. Questo vorrebbe essere un governo di sinistra? Ricordiamo che anche la Costituzione della Repubblica Italiana afferma che l’obiettivo dello Stato deve essere sempre l’inclusione sociale, anche attraverso il lavoro. Perfino in caso eventuale di interdizione dai pubblici uffici, il provvedimento è temporaneo e sono stati previsti percorsi di riabilitazione. Chi è Crocetta per andare a valutare i “requisiti morali” di qualcuno e dire che si tratta di “gente pericolosa”? Siamo davanti a un governo che si fa giudice in terra senza averne titolo – né tantomeno competenza – e che sta deteriorando il rapporto di fiducia tra le istituzioni e i lavoratori pubblici regionali come i forestali. Siamo davanti a un autogol che incrementa il malcontento della categoria. È un danno enorme, che va fermato subito perché poi a ripararlo ci vorranno decenni e sarà il difficile compito di chi erediterà l’azione tanto inconcludente quanto antisociale del governo Crocetta. Egli ancora una volta è su una strada sbagliata e controproducente: non è “dichiarando guerra” ai lavoratori che si fa progredire la Sicilia.
Cosa hanno fatto i deputati regionali fino a oggi per controllare l’azione governativa? Le opposizioni rappresentate nel Parlamento Siciliano escano dalle ferie e si mobilitino rapidamente insieme alle rappresentanze sindacali, per indurre il governo regionale a cambiare rotta sulla questione dei forestali. Per parte nostra vigileremo finché i responsabili a tutti i livelli di questo iniquo provvedimento saranno individuati con chiarezza, insieme ai loro partiti politici di riferimento, in modo che il popolo sovrano sappia regolarsi alle prossime votazioni.

Alba siciliana / , ,

Informazioni su lacasadelsognoantico

Curriculum vitae di Salvo Garufi Nato a Militello in Val di Catania (CT) Il 19 novembre 1951 Residente a Militello in Val di Catania In via Filippo Basile, 5 Titoli di studio Laurea in Lettere, conseguita il 30 marzo 1978 presso l’Università di Catania, con la votazione di 106/110; abilitazione all’insegnamento di stenografia (per corso abilitante); abilitazione all’insegnamento di Materie letterarie nelle scuole medie superiori (per concorso); abilitazione all’insegnamento di Italiano, storia, geografia ed educazione civica nelle scuole medie inferiori (per concorso); abilitazione all’insegnamento di Storia dell’arte (per concorso); abilitazione all’insegnamenti di Filosofia e storia (per corso abilitante). Titoli culturali ed incarichi politici Nel corso della sua carriera nelle scuole statali ha finito per insegnare in tutte le classi di concorso nelle quali è abilitato. Attualmente è docente di Filosofia e storia presso il Liceo Scientifico “Ettore Majorana” di Scordia (CT); è stato finalista per la narrativa nell’edizione 1990 del “Premio Italo Calvino”, organizzato dalla rivista “L’indice” di Torino, presidente della giuria Vincenzo Consolo: ha fatto parte del Consiglio di Amministrazione e del Comitato Esecutivo dell’Azienda Provinciale Turismo di Catania dal 1994 al 1996; ha insegnato Storia dell’arte in corsi post-diploma finanziati dalla Comunità europea e Storia della moda in corsi di aggiornamento organizzati dall’Istituto professionale femminile di Stato “Isabella Morra” di Matera; è stato consulente teatrale di “Catania Musica Estate 1995” e della “Settimana del barocco a Militello” in tutte le sue edizioni, cioè dal 1994 al 2002; è stato esperto per la cultura del Presidente della Provincia Regionale di Catania dal 1996 al 1998; è stato assessore ai BB. CC. di Militello in Val di Catania dal 2003 al 2008, potendo coorganizzare con fondi ministeriali tre edizioni del “Festival del Val di Noto”; inoltre, collaborato dalla facoltà di fisica dell’Università di Catania, ha ideato ed organizzato il “Premio Ettore Majorana”; ha fondato il Museo Civico “Sebastiano Guzzone” di Militello in Val di Catania e ne è stato il primo direttore. Pubblicazioni SAGGISTICA DI STORIA, DI LETTERATURA E D’ARTE Interventi vari in cataloghi editi dalla Galleria d’arte “La scogliera” di Vico Equense (NA) sui pittori: Vincenzo Laricchia (1079), Enzo Campanino (1980), Emanuele Modica (1981), Roberto Severino (1981), Raffaele Amato (1982). E nel catalogo su Angela Vinaccia (1983), edito dalla Galleria G 59 di Napoli; L’omicidio di Francesco Laganà Campisi (in collaborazione con G. Cavalli), Società Storica Militellese, Militello 1981; Mariano Izzo, in Luigi Paolo Finizio, Il segno espanso di Mariano Izzo, Napoli, Istituto Grafico Editoriale Italiano, 1983; La Madonna nella figurazione artistica a Militello, Militello, Edizioni del Santuario, 1985; Itinerari pittorici in Santa Maria della Stella, Militello, Edizioni del Santuario, 1986; Sommario della storia di Santa Maria della Stella, in Paolino Stella, Santa Maria nella Chiesa di Caltagirone, Caltagirone, Cassa San Giacomo, 1987; Giuseppe Tuccio, Militello, Comune, 1987; Salvatore Agati, in Cabala e pietre nere (a cura di Nicolò Mineo), Catania, Prova d’autore, 1990; Opere edite di Giuseppe Majorana (in collaborazione con M. Marino), Militello, Comune, 1991; Melo Minnella. Catania, Provincia Regionale di Catania, 1995; Geografia poetica di Salvo Basso, in La figura e le opere poetiche di Salvo Basso (atti del convegno), Catania, Prova d’autore, 2002; Voci per Militello dalla A alla Z (a cura di Nello Musumeci), Catania, Edizioni della Provincia Regionale di Catania, 2003; Osservazioni sul punto di vista, in O scuru – fotografie di Salvo Basso, Catania, Prova d’autore, 2003; Dalla Natività di Andrea Della Robbia ai contadini di Santo Marino, storia dell’arte a Militello, Caltagirone, Il Minotauro, 2005; Guida al sistema museale “Sebastiano Guzzone” di Militello (con contributi di altri), Caltagirone, Il Minotauro, 2006; Guida turistica ai quindici comuni del Calatino Sud Simeto (in collaborazione con Domenico Amoroso e Massimo Papa), Caltagirone. Agenzia di Sviluppo Integrato, 2008. NARRATIVA Interventi nelle seguenti antologie: Le voci fra gli sterpi, edizioni 1989 e 1990, Scordia, Edizioni Nadir; Frastorni, Scordia, Edizioni Nadir, 1991; Arrivederci a Sortino, edizioni 1997, 1998 e 1999, Catania, Prova d’autore; Distacchi dentro fuori, Milo, Laboratorio d’arte contemporanea “Village”, 1997; Attioni spectaculose, racconti, Mascalucia (CT), Edizioni Novecento, 2007; Na mezzanotti antica, traduzione in ottonari siciliani di The Raven di Edgar Allan Poe, Mascalucia (CT), 2007; Evangelio borghese, romanzo, Mascalucia (CT), Edizioni Novecento, 2008; La Firenze degli Iblei, romanzo, Mascalucia (CT), Edizioni Novecento, 2008. COLLABORAZIONI GIORNALISTICHE “Il Secolo d’Italia” di Roma, “La Riviera” di Napoli, “Peninsula” di Vico Equense, “Catania sera” di Catania, “Prospettive” di Catania, “Militello Notizie” organo del Comune, “La provincia di Catania” organo della provincia regionale. Teatro e spettacoli L’orgoglio delle pietre, video, regia di Franco Di Blasi, Azienda Provinciale Turismo di Catania, 1994; La dama della memoria, spettacolo teatrale, regia di Davide Sbrognò, Militello, Atrio del Castello, 1995; Corteo del principe e Partita di scacchi viventi, spettacoli di piazza, registi vari, Militello, tutte le edizioni de “La Settimana del Barocco” e Noto, “Festival barocco”, 2006; La reina di Scotia, riduzione da Federico Della Valle, regia di Elio Gimbo, Militello, Atrio del Castello, 1995; Zizza, adattamento da Pietro Carrera, regia di Gianni Scuto, Militello, Atrio del Castello, 1995; Gli occhi di Tyrone Power, dramma, regia di Elio Gimbo, Militello, Teatro Tempio e Catania, Teatro Ridotto-eventi, 1996; Bar New York, commedia, regia di Piero Ristagno, Militello, Teatro Tempio e Catania, Teatro Nuovo, 1996; La festa del grano, spettacolo di piazza, Raddusa, 1996; Scene di un Natale barocco, spettacolo di piazza, regia di Gioacchino Palumbo, Comiso, Scicli, Modica, Ragusa, 1996/1997; Una storia per Guareschi, commedia, regia di Franco Calogero, Catania, Teatro Ridotto-eventi, 1997; Conversazione del principe, commedia, regia di Fernando Balestra (ed altri nelle numerose repliche), Militello, Atrio del Castello, 2000; Una canzone per donna Aldonza, tragedia, regia di Antonio Caruso, Militello, Piazza Municipio, 2001; Scene di un Natale barocco, tragedia, regia di Emanuele Puglia, Militello, Piazza Municipio, 2002; Le voci fra gli sterpi, concerto di poesia, regia di Gianni Salvo, Militello, Atrio benedettino, 2004; Na mezzanotti antica, omaggio a Edgar Allan Poe, lettura di Gianni Salvo, Militello, Chiesa del SS. Sacramento al Circolo, 2007.

I commenti sono chiusi.