Il Mediterraneo è il più grandeMuseo del mondo: “La Gran Guardia alla Città” (proposta da Gaetano La Tella)

la casa del sogno antico definitivoLa gran Guardia della Città

proposta da Gaetano La Tella

(Gaeta dopo la resa)

La Gran Guardia è un edificio neo classico realizzato nel 1786 da P. Paolo Ferrari. Rappresenta un’infrastruttura militare di interesse storico architettonico. Il nome dell’edificio “La Gran Guardia” è riconducibile alla benemerenza nazionale di Enrico Cosenz, nato a Gaeta il 12 gennaio del 1820, nominato ministro della guerra da Garibaldi. La caserma faceva parte del palazzo reale voluto da Ferdinando II. Dopo l’unità d’Italia l’edificio divenne sede del comando militare. Nel corso della storia gli impieghi che hanno visto protagonista l’opera monumentale sono stati variegati. In particolare, rappresentò uno dei 109 campi di raccolta dei profughi italiani che fuggirono dall’Istria e dalla Dalmazia tra il 1943 e il 1948.

12662494_942814179107274_5655958619611287311_n

Con la delibera n.102 del 9 giugno 2016, la Giunta Comunale di Gaeta ha aderito al Federalismo Demaniale Culturale (ex art.5, comma 5 D. Lgs. n. 85 del 28/05/2010), approvando la proposta di  Programma di Valorizzazione della Gran Guardia e del connesso progetto di restauro e recupero funzionale. L’atto deliberativo demanda altresì il Sindaco alla firma degli atti consequenziali: in primis la definizione dell’Accordo di Valorizzazione che dovrà essere sottoscritto con il Ministero dei Beni Culturali e del Paesaggio e l’Agenzia del Demanio. Con tale Accordo infatti il Comune potrà dare l’avvio all’iter per l’acquisizione a titolo gratuito della Gran Guardia al proprio patrimonio, verranno stabiliti e precisati gli obbiettivi e le loro modalità di attuazione, e sarà anche definita un’indicazione preliminare degli interventi tecnici di recupero del bene. Si potrà così procedere all’approvazione del progetto esecutivo di recupero del bene ed all’ottenimento dei necessari nulla osta per l’avvio dei lavori.

172

Nel Programma approvato è ben spiegato l’obiettivo prefissato dall’Amministrazione Comunale: recuperare lo storico edificio e dedicarlo alla promozione dell’offerta turistica, culturale ed artistica del territorio. L’idea di valorizzazione consiste pertanto nell’utilizzo della Gran Guardia come luogo che rappresenti simbolicamente il “punto di accesso” e di promozione del sistema museale e storico- culturale della Città di Gaeta, un’offerta culturale che non ha eguali fino a Roma. In particolare il quartiere medievale di S. Erasmo, proprio grazie alla presenza di diversi siti culturali, ha potuto realizzare una “rete” culturale e museale  mettendo  a sistema i luoghi che rappresentano una potenzialità in tal senso: il Museo Diocesano, il Santuario della Santissima Annunziata, la Pinacoteca d’Arte Contemporanea  Giovanni Da Gaeta,  il Palazzo della Cultura,  il Castello Angioino – Aragonese, la Cattedrale di S. Erasmo, il Parco regionale di Monte Orlando che, oltre al prezioso patrimonio paesaggistico, possiede anche un notevole patrimonio storico -archeologico.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

L’immobile Gran Guardia è al centro di questa ricchezza artistica e culturale, affacciandosi sulla piazza principale del quartiere medievale. Per questo motivo, ma anche per la sua storia e le attività ricreative e di rappresentanza che l’Esercito italiano era solito svolgere al suo interno, lo storico edificio rappresenta un simbolo importante per i cittadini di Gaeta. La sua collocazione strategica  lo rende perfettamente idoneo ad accogliere e promuovere l’intera offerta museale, storica e culturale della Città. Al contempo esso potrà ospitare, nei due saloni di rappresentanza, eventi ed iniziative di particolare prestigio e rilevanza. La strategia di valorizzazione passa innanzitutto dal recupero strutturale dell’edificio che necessita di numerosi e rilevanti interventi. In secondo luogo la valorizzazione del bene prenderà concretamente forma attraverso il suo utilizzo istituzionale: la sua apertura al pubblico sia per l’accesso al sistema museale, sia per la realizzazione di eventi culturali dedicati.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Le spese per il recupero e la ristrutturazione  dell’immobile saranno sostenute dalle casse  comunali, fatta salva la possibilità di ricercare soggetti privati che intendano sponsorizzare, nelle modalità previste dalla Legge, gli interventi di ristrutturazione in questione. Inoltre l’Amministrazione Comunale si riserva la possibilità di partecipare, per il reperimento delle risorse,  a bandi di finanziamento  regionali, governativi, comunitari e/o privati. L’intera struttura sarà gestita dal Comune di Gaeta.

Gran-Guardia-Gaeta

http://www.comune.gaeta.lt.it/Riqualificazione-urbana

I commenti sono chiusi.