Un articolo di Gabriella Nievo sul pittore Gianni Sutera

Gianni Sutera
Gianni

Gianni Sutera
Gianni

Alla C A dell’amico prof Salvatore Garufi: ”GIANNI SUTERA – L’istinto emozionale nell’arte- Quattro figure dall’aspetto misterioso si stagliano nello spazio. Qualcosa di arcano, un’atmosfera sfuggente avvolge la loro anima tanto da celarne i volti. Eppure osservando le movenze ne percepiamo lo stato d’animo. La pennellata è densa, grumosa quasi a rafforzare la presenza fisica dei soggetti. La stessa intensità espressiva appare nel dipinto El Toro dove l’accento grafico si fa riflesso di una frenetica gestualità forse a liberare l’istinto primordiale dell’arte, la creatività che trasforma il vero. La dimensione interiore di Gianni Sutera si rivela quindi nell’immediato, nel suo modo incisivo e schietto di raccontare la realtà, nella passione per il colore che proietta stati d’animo, nel desiderio di sintesi ch’egli usa nel catturare l’immagine. Nei dipinti e nelle sculture –suggestiva Lo slancio con la figura in ferro che lieve s’innalza al cielo- Sutera scopre la vita misteriosa dell’essere che accentuata dalla verità dell’arte ci accompagna alla scoperta di luoghi interiori che diventano simboli di memorie passate, di lievi inquietudini, di sentimenti ancestrali che l’autore affronta come dati del contemporaneo. Gli echi della pittura espressionista ed in particolare mitteleuropea si colgono con incidenza ed in maniera riconoscibile: nel segno corposo e materico, nell’essenza della struttura compositiva, nella deformazione attraverso la quale Sutera rappresenta i suoi soggetti, soprattutto figure maschili e femminili, sempre in preda a una metamorfosi emozionale. Gruppi di persone, coppie, volti , brani di una realtà rappresi nel pulsare del colore che spesso è testimone di una condizione esistenziale. Ogni tonalità si raccorda a una situazione e simbolicamemte ne riprende gli effetti. E pur vero che il percorso di Sutera ha radici molto profonde, tutta l’attività artistica di questo originale autore si è definita nella ricerca di comprendere il valore sotteso della forma e del colore nei loro aspetti meno edonistici. Sutera è poeta, pittore, scultore e pur nella diversità dei linguaggi ha continuato a raccontare l’essenza emotiva dell’arte mantenendo un legame forte con la ragione. La sua dunque non è un’espressione esclusivamente d’istinto cioè gestuale ma meditata a lungo, assimilata da riferimenti culturali più vicini alla propria ricerca interiore. Le evidenze cromatiche sono volte ad esprimere passionalità, si veda ad esempio la ripresa della figura in coppia in Abbraccio, dove il senso armonico delle forme si fondono in una struttura che mira alla conquista di un’armonia esistenziale. Un percorso verso l’allusione, il significato nascosto dell’immagine, sorgono in Sutera da un’ispirazione, dalla riflessione, dalla contemplazione. Così il soggetto viene spogliato da dettagli decorativi per essere essenzializzato, giocato nei contrappunti del segno come in Nudo di donna, dai riflessi matissiani. Si sente dunque una meditazione sull’arcaismo della forma che è sempre spunto di riflessione. L’arte è ricondotta alla matrice originaria dove le emozioni ed il tempo si fondono in una vibrante esperienza di vita. Gabriella Niero, critica d’arte
Gianni Sutera / , ,

Informazioni su lacasadelsognoantico

Curriculum vitae di Salvo Garufi Nato a Militello in Val di Catania (CT) Il 19 novembre 1951 Residente a Militello in Val di Catania In via Filippo Basile, 5 Titoli di studio Laurea in Lettere, conseguita il 30 marzo 1978 presso l’Università di Catania, con la votazione di 106/110; abilitazione all’insegnamento di stenografia (per corso abilitante); abilitazione all’insegnamento di Materie letterarie nelle scuole medie superiori (per concorso); abilitazione all’insegnamento di Italiano, storia, geografia ed educazione civica nelle scuole medie inferiori (per concorso); abilitazione all’insegnamento di Storia dell’arte (per concorso); abilitazione all’insegnamenti di Filosofia e storia (per corso abilitante). Titoli culturali ed incarichi politici Nel corso della sua carriera nelle scuole statali ha finito per insegnare in tutte le classi di concorso nelle quali è abilitato. Attualmente è docente di Filosofia e storia presso il Liceo Scientifico “Ettore Majorana” di Scordia (CT); è stato finalista per la narrativa nell’edizione 1990 del “Premio Italo Calvino”, organizzato dalla rivista “L’indice” di Torino, presidente della giuria Vincenzo Consolo: ha fatto parte del Consiglio di Amministrazione e del Comitato Esecutivo dell’Azienda Provinciale Turismo di Catania dal 1994 al 1996; ha insegnato Storia dell’arte in corsi post-diploma finanziati dalla Comunità europea e Storia della moda in corsi di aggiornamento organizzati dall’Istituto professionale femminile di Stato “Isabella Morra” di Matera; è stato consulente teatrale di “Catania Musica Estate 1995” e della “Settimana del barocco a Militello” in tutte le sue edizioni, cioè dal 1994 al 2002; è stato esperto per la cultura del Presidente della Provincia Regionale di Catania dal 1996 al 1998; è stato assessore ai BB. CC. di Militello in Val di Catania dal 2003 al 2008, potendo coorganizzare con fondi ministeriali tre edizioni del “Festival del Val di Noto”; inoltre, collaborato dalla facoltà di fisica dell’Università di Catania, ha ideato ed organizzato il “Premio Ettore Majorana”; ha fondato il Museo Civico “Sebastiano Guzzone” di Militello in Val di Catania e ne è stato il primo direttore. Pubblicazioni SAGGISTICA DI STORIA, DI LETTERATURA E D’ARTE Interventi vari in cataloghi editi dalla Galleria d’arte “La scogliera” di Vico Equense (NA) sui pittori: Vincenzo Laricchia (1079), Enzo Campanino (1980), Emanuele Modica (1981), Roberto Severino (1981), Raffaele Amato (1982). E nel catalogo su Angela Vinaccia (1983), edito dalla Galleria G 59 di Napoli; L’omicidio di Francesco Laganà Campisi (in collaborazione con G. Cavalli), Società Storica Militellese, Militello 1981; Mariano Izzo, in Luigi Paolo Finizio, Il segno espanso di Mariano Izzo, Napoli, Istituto Grafico Editoriale Italiano, 1983; La Madonna nella figurazione artistica a Militello, Militello, Edizioni del Santuario, 1985; Itinerari pittorici in Santa Maria della Stella, Militello, Edizioni del Santuario, 1986; Sommario della storia di Santa Maria della Stella, in Paolino Stella, Santa Maria nella Chiesa di Caltagirone, Caltagirone, Cassa San Giacomo, 1987; Giuseppe Tuccio, Militello, Comune, 1987; Salvatore Agati, in Cabala e pietre nere (a cura di Nicolò Mineo), Catania, Prova d’autore, 1990; Opere edite di Giuseppe Majorana (in collaborazione con M. Marino), Militello, Comune, 1991; Melo Minnella. Catania, Provincia Regionale di Catania, 1995; Geografia poetica di Salvo Basso, in La figura e le opere poetiche di Salvo Basso (atti del convegno), Catania, Prova d’autore, 2002; Voci per Militello dalla A alla Z (a cura di Nello Musumeci), Catania, Edizioni della Provincia Regionale di Catania, 2003; Osservazioni sul punto di vista, in O scuru – fotografie di Salvo Basso, Catania, Prova d’autore, 2003; Dalla Natività di Andrea Della Robbia ai contadini di Santo Marino, storia dell’arte a Militello, Caltagirone, Il Minotauro, 2005; Guida al sistema museale “Sebastiano Guzzone” di Militello (con contributi di altri), Caltagirone, Il Minotauro, 2006; Guida turistica ai quindici comuni del Calatino Sud Simeto (in collaborazione con Domenico Amoroso e Massimo Papa), Caltagirone. Agenzia di Sviluppo Integrato, 2008. NARRATIVA Interventi nelle seguenti antologie: Le voci fra gli sterpi, edizioni 1989 e 1990, Scordia, Edizioni Nadir; Frastorni, Scordia, Edizioni Nadir, 1991; Arrivederci a Sortino, edizioni 1997, 1998 e 1999, Catania, Prova d’autore; Distacchi dentro fuori, Milo, Laboratorio d’arte contemporanea “Village”, 1997; Attioni spectaculose, racconti, Mascalucia (CT), Edizioni Novecento, 2007; Na mezzanotti antica, traduzione in ottonari siciliani di The Raven di Edgar Allan Poe, Mascalucia (CT), 2007; Evangelio borghese, romanzo, Mascalucia (CT), Edizioni Novecento, 2008; La Firenze degli Iblei, romanzo, Mascalucia (CT), Edizioni Novecento, 2008. COLLABORAZIONI GIORNALISTICHE “Il Secolo d’Italia” di Roma, “La Riviera” di Napoli, “Peninsula” di Vico Equense, “Catania sera” di Catania, “Prospettive” di Catania, “Militello Notizie” organo del Comune, “La provincia di Catania” organo della provincia regionale. Teatro e spettacoli L’orgoglio delle pietre, video, regia di Franco Di Blasi, Azienda Provinciale Turismo di Catania, 1994; La dama della memoria, spettacolo teatrale, regia di Davide Sbrognò, Militello, Atrio del Castello, 1995; Corteo del principe e Partita di scacchi viventi, spettacoli di piazza, registi vari, Militello, tutte le edizioni de “La Settimana del Barocco” e Noto, “Festival barocco”, 2006; La reina di Scotia, riduzione da Federico Della Valle, regia di Elio Gimbo, Militello, Atrio del Castello, 1995; Zizza, adattamento da Pietro Carrera, regia di Gianni Scuto, Militello, Atrio del Castello, 1995; Gli occhi di Tyrone Power, dramma, regia di Elio Gimbo, Militello, Teatro Tempio e Catania, Teatro Ridotto-eventi, 1996; Bar New York, commedia, regia di Piero Ristagno, Militello, Teatro Tempio e Catania, Teatro Nuovo, 1996; La festa del grano, spettacolo di piazza, Raddusa, 1996; Scene di un Natale barocco, spettacolo di piazza, regia di Gioacchino Palumbo, Comiso, Scicli, Modica, Ragusa, 1996/1997; Una storia per Guareschi, commedia, regia di Franco Calogero, Catania, Teatro Ridotto-eventi, 1997; Conversazione del principe, commedia, regia di Fernando Balestra (ed altri nelle numerose repliche), Militello, Atrio del Castello, 2000; Una canzone per donna Aldonza, tragedia, regia di Antonio Caruso, Militello, Piazza Municipio, 2001; Scene di un Natale barocco, tragedia, regia di Emanuele Puglia, Militello, Piazza Municipio, 2002; Le voci fra gli sterpi, concerto di poesia, regia di Gianni Salvo, Militello, Atrio benedettino, 2004; Na mezzanotti antica, omaggio a Edgar Allan Poe, lettura di Gianni Salvo, Militello, Chiesa del SS. Sacramento al Circolo, 2007.

I commenti sono chiusi.